oria milano


Ottetto d’Archi dei Filarmonici di Berlino

 

L’ Ottetto d’Archi dei Filarmonici di Berlino è stato fondato nel 1994 da otto membri della gloriosa Orchestra berlinese e molto rapidamente ha saputo guadagnarsi la stima e l’apprezzamento della critica e dei pubblici internazionali, grazie anche alla magica commistione di cultura dell’intimismo cameristico e di suono generosamente sinfonico.


L’Ottetto è già stato calorosamente accolto in Europa, Giappone e Sud America, dove ha ricevuto a Buenos Aires nel 1999 il Premio della Critica Musicale come miglior complesso straniero dell’anno.


L’Ottetto dei Filarmonici di Berlino è costantemente alla ricerca anche di repertorio inesplorato da riproporre e recentemente ha inciso due cd di musiche di due grandi musicisti dell’Ottocento poco conosciuti, il russo Reinhold Glière e il danese Niels Gade, che hanno suscitato vivo interesse sia nella critica internazionale che nel pubblico.


Il Complesso suona anche in formazione di Nonetto con l’aggiunta del contrabbassista oppure in formazione di sestetto.


In Italia l’ensemble ha già riscosso un notevole successo in molte città italiane:  a Milano per le Serate Musicali, ad Ancona per gli Amici della Musica e a Siena per l’Accademia Chigiana, Bergamo, Bologna, Pordenone, Firenze, Torino, Treviso, Cremona,Roma ecc .


Cremona 28 Febbraio 2011 La Provincia di Cremona

Un Ottetto che vale un’orchestra - Espresso un suono smagliante e di intenso spessore armonico

...........Ottetto di Felix Mendelssohn, pezzo eseguito con impeto sonoro e impianto sinfonico come se sul palco vi fosse tutto il complesso dei Berliner. Grandi applausi ieri sera al Ponchielli  per il concerto dell’Ottetto d’archi della Filarmonica di Berlino...........Roberto Codazzi                                continua


Cremona 28 Febbraio 2011 La Cronaca di Cremona

Sonorità ricercate e perfezione esecutiva, l’Ottetto d’archi berlinese incanta il Ponchielli

............Oltre alla tecnica  straordinaria , è stato l’entusiasmo del suonare assieme che, senza retorica, ha rappresentato la marcia in più di questo Ottetto al quale il pubblico non ha potuto che tributare il poù caloroso e sincero applauso finale.  Fabio Perrone                                                            continua



GADE   Ottetto op.17

Scherzo. Allegro Moderato E Tranquillo

foto di Federico Zovadelli