oria milano 

Lilya Zilberstein  pianista
 

«Lilya è una pianista completa, naturalissima, grandissima. Per fortuna non era concorrente quando ho partecipato al concorso, sarebbe stato un osso troppo duro»  Martha Argerich a La Repubblica il 25 Agosto 2011


Lilya Zilberstein è salita alla ribalta internazionale nel 1987 ,vincendo il Concorso Busoni di Bolzano. Fu una vittoria sensazionale e ci vollero 5 anni prima che il Premio fosse nuovamente assegnato. Da allora la pianista , moscovita di nascita e ora tedesca d’adozione, non ha smesso di girare tutta l’Europa, l’America del Nord e del Sud e l’Asia .

Ha cominciato lo studio del pianoforte a 5 anni con Ada Traub alla Scuola Gnessin di Mosca prima e all’Istituto Gnessin poi con Alexander Satz, fino al diploma nel 1988. Nel 1985 ha vinto il Concorso Russo e il Concorso Pan-Sovietico di Riga.

E' stata invitata dai Filarmonici di Berlino e Claudio Abbado per la prima volta nel 1991, e insieme hanno poi suonato ripetutamente e registrato per Deutsche Grammophon i Concerti no.2 e 3 di Rachmaninov.

Zilberstein ha suonato con molte altre orchestre prestigiose : Chicago Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica Tchaikovsky di Mosca, London Symphony e Royal Philharmonic Orchestra di Londra , l’Orchestra della Scala a Milano, Staatskapelle di Dresda, ecc.

Oltre che con Claudio Abbado, ha suonato con molti importanti direttori quali : John Axelrod, Paavo Berglund, Semyon Bychkov, Gustavo Dudamel, Christoph Eschenbach, Vladimir Fedoseyev, Alun Francis, Leopold Hager, Dmitrij Kitajenko, James Levine, Wassili Sinajski, Michael Tilson Thomas, Jean-Pascal Tortellier, Marcello Viotti e Antonin Witt.

Nel 1998, le è stato attribuito a Siena il Premio Internazionale "Accademia Musicale Chigiana" e dal 2011 è titolare della classe di Pianoforte della prestigiosa Accademia senese.


Lilya Zilberstein ha registrato 8 cd per Deutsche Grammophon, con programmi di pianoforte solo e con orchestra il Concerto di Grieg con Järvi e la Gothenburg Symphony Orchestra, il Secondo e Terzo Concerto di Rachmaninov con Abbado e i Filarmonici di Berlino. Ha partecipato alla registrazione dell’opera omnia di Chopin  pubblicata da DGG nel 1999 e tra le numerose incisioni più recenti ricorderemo la Sonata di Brahms per due pianoforti con Martha Argerich per EMI e un cd Clementi, Mussorgsky e Rachmaninoff pubblicato da Hänssler Classic.

Negli anni scorsi , oltre ad aver suonato da sola o con orchestra negli USA, Asia, Sud America, Italia, GranBretagna, Francia, Svezia, Spagna, Polonia e Islanda, Lilya ha anche suonato moltissimo in tutto il mondo con il violinista Maxim Vengerov , è tornata per la prima volta dopo 16 anni a Mosca per suonarvi con grande successo ed è stata ospite regolare dei grandi Festival Internazionali.

Nel 2009 ha festeggiato i suoi primi venti anni di carriera con una lunga tournée europea in duo con Martha Argerich e la collaborazione con la famosa artista argentina continua tuttora ogni anno.

 

Lilya Zilberstein e Martha Argerich

foto Gerzenberg


In Italia dopo la vittoria al Concorso Busoni Lilya Zilberstein debuttò con immediato grande successo al Maggio Musicale Fiorentino del 1988 , e ha tenuto da allora più di 200 concerti per tutte le più importanti istituzioni musicali . Nel 1999 ha debuttato al Teatro alla Scala con l'Orchestra Filarmonica sotto la direzione di Semyon Bychkov e nel Teatro milanese è tornata più volte , sempre con successo.


Lilya Zilberstein è titolare della cattedra di pianoforte alla MDW-Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna, all’Accademia Chigiana di Siena e tiene master-classes in tutto il mondo.


RECENSITO  quotidiano di cultura e spettacolo 2 ottobre 2016

Milano: standing ovation per la pianista Lilya Zilberstein all’Auditorium Fondazione Cariplo

Una vera standing ovation per la pianista moscovita Lilya Zilberstein all’Auditorium Fondazione Cariplo, protagonista della prima parte del programma settimanale dell’Orchestra Sinfonica Verdi, con il “Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in Re minore op.30” di Sergej Rachmaninov. La Zilberstein, in un concerto che rimarrà storico, è stata sublime nell’esecuzione di uno dei pezzi più conosciuti e difficili del repertorio del compositore russo......                                                                    Continua



CORRIERE DI SIENA 25 luglio 2015

Teatro dei Rozzi : La pianista russa ha entusiasmato con la brillantezza dell’Allegro iniziale e la soavità del Largo

Beethoven e Schubert ospiti della Chigiana

Strepitosa Zilberstein

SIENA.......................Da incoronare come prima donna della serata è la pianista Lilya Zilberstein, docente chigiana, solista al pianoforte in questo concerto beethoveniano. Con la sua arte interpretativa  è stata la “pittrice” delle coloriture, la “scultrice” di melodie, la distributrice di bellezza sonora..............Attilio Botarelli                                                                        Continua



BRESCIA OGGI 24 maggio 14

Lilya Zilberstein, fascino della grande tecnica

Un grandissimo successo, quello salutato dagli applausi del pubblico del teatro Grande in occasione del concerto di giovedì sera ..............................., una serata culminata col Concerto n.2 per pianoforte e orchestra di Sergej Rachmaninov interpretato da Lilya Zilberstein alla tastiera e accompagnato dalla Filarmonica del Festival pianistico diretta da Pier Carlo Orizio...................................................................................la parte pianistica si è fusa perfettamente con quella orchestrale ..................................

Lilya Zilberstein è un’artista che conosciamo da molti anni e la sua interpretazione  è stata l’ennesima graditissima conferma di un talento che si sposa con una tecnica pianistica di altissimo livello......................Luigi Fertonani                        Continua



GAZZETTINO DI BRESCIA 23 maggio 14

Festival /2 Zilberstein, la nobile forza di Rachmaninov

Brillante debutto al grande della nuova Filarmonica diretta dal M° Pier Carlo Orizio

............................Un appuntamento straordinario in tutti i sensi, anche per la partecipazione della celebre pianista Lilya Zilberstein, promosso nell’ambito del festival di Brescia e Bergamo ....................

Si è giunti così alla parte più attesa della serata, quella che vedeva il ritorno della virtuosa Lilya Zilberstein alle prese con il notissimo secondo Concerto di Rachmaninov.........................Esplosione finale di applausi per la maiuscola prova esecutiva della Zilberstein............. Marco Bizzarini                                                                                                            Continua



L’ECO DI BERGAMO 18 maggio 2014

Racmaninov e Musorgskij per la grande Lilya Zilberstein

La pianista russa non nasconde la passione per i due autori connazionali.

L’interprete? : “E’ il mediatore tra il pubblico e l’autore, e non deve prevaricare”

Intervista di Bernardino Zappa                                                                                                                           Continua





oria milano di denise petriccione via savoia cavalleria 10 -  20145  milano - tel +39 02 46 62 16

e mail : info@oriamilano.it - Part IVA  06428560962 - Associata A.R.I.A.C.S.